• FB-Logo-Square
  • Twitter LOGO png
  • Logo_Shazam
  • NewInstagramLogo
  • logo-black-bg
  • SoundCloudLogo
  • spotify
  • YouTube Social  Icon

© 2017 by BIETTO

  • Bietto

FRAMMENTI ESTIVI - Pt. 2


Ritorno a scrivere qualche riga su questo agosto 2018, mese estivo e di vacanze per eccellenza. In questo momento sono seduto sul letto con il pc appoggiato su una sedia che qualche giorno fa ho audacemente accostata al letto, proprio per creare un mini-spazio in cui alloggiare il pc. In realtà la posizione è un po’ scomoda e mi sta andando una gamba in cancrena, ma vabè… Di fronte a me c’è la porta che dà sul balcone, aperta, e dal balcone vedo l’edifico di fronte al mio… in basso, proprio sul limite del campo visivo delimitato dal balcone c’è un tizio affacciato alla finestra, a torso nudo che sembra guardare l’ignoto…

E in questo preciso istante è rientrato chiudendo la finestra e accendendo la luce della camera…

Boh, non ve ne fregherà niente… Anche a me fregacazzi, ma tanto è bello farsi i cavoli degli altri, no?

Comunque, nell’ultimo post (pssss, il tizio è riemerso dalla finestra, sempre a torso nudo affiancato stavolta da una tizia che beve birra), avevo parlato di alcune vicende che mi sono accadute nel corso delle vacanze estive, nel paesello ligure in provincia di Savona. E mi ero lamentato di come le notizie ai TG non permettessero di godersi le vacanze fino in fondo, siccome si sentono solo notizie tragiche. Ancora oggi si parla del ponte di Genova, miseramente crollato, portando via con sé la vita di una quarantina di persone. Permettetemi una riflessione: vedo nei notiziari e nei link condivisi sui social tanta ignoranza. Principalmente dalla politica o più generalmente dalla società… una società che in mezzo a una grande tragedia pensa soprattutto a trovare un responsabile piuttosto che concentrarsi sul disastro, capire le cause reali, e preoccuparsi che tutti i dispersi vengano tratti in salvo dalle macerie, ove possibile ovviamente. Ma no, è successo un disastro e tutti subito che devono puntare il dito contro qualcuno, la tragedia deve avere un nome e deve pagare per quello che è successo. Per carità, se ci sono dei colpevoli in tutto questo è giusto che paghino… Quello che non mi piace è proprio il modo con cui una situazione del genere viene gestita. Siamo esseri umani, e non siamo perfetti… in mezzo a miliardi di costruzioni realizzate nel mondo, è triste dirlo, ma capiterà sempre quella più “sfigata” per un motivo o per un altro che avrà problemi. E con tutti gli accorgimenti possibili, nessuno può far fronte a un imprevisto, altrimenti non si chiamerebbe così. Con questo non voglio giustificare nessuno e soprattutto una tragedia come questa che era meglio non fosse mai avvenuta. Ma quando queste cose succedono, portano già tanta tristezza e rabbia nelle persone coinvolte che secondo me incarognirsi ancora di più e trovare un “colpevole” da punire a morte incupisce ancora di più lo scenario. Le polemiche a questo punto diventano più importanti dei morti. Non va bene.

Per non parlare di tutte le notizie bufale e subdole associate al crollo, ma qui mi limito a stendere un velo pietoso.

Innanzitutto sarebbe meglio capire bene cosa è successo e prendere tutte le precauzioni necessarie affinché disastri come questo non si verifichino più in futuro. Si facciano quindi tutte le analisi del caso e poi se c’è un responsabile si agirà di conseguenza.

Io parlo senza considerare ancor più tristi scenari che potrebbero esserci dietro questi disastri come marchette, corruzione, mafia…

Meglio cambiare discorso…

Scusate lo sfogo…

Stamattina ho comprato altri due libri, e lo dico da NON LETTORE, e pure orgoglioso. Io non leggo mai, non mi piace. Eppure in due settimane ho letto due libri e adesso ne ho presi altri due. Avrò qualche strana malattia…

Ho iniziato con il libro di GionnyScandal… e fino a un mese fa non sapevo nemmeno che avesse fatto un libro… veramente non sapevo nemmeno bene che canzoni avesse fatto… Poi non so… mi è capitato di ascoltare sul tubo una sua canzone… un singolo estratto dal suo nuovo album dal titolo “Disastro”. Mi ha subito rapito. L’ho pure remixata talmente mi è piaciuta! E’ davvero bella, ascoltatela se vi va… a tempo perso… Da quella canzone ho scoperto poi anche il nuovo album “EMO”… L’ho scaricato e ho iniziato ad ascoltare una canzone.. poi un’altra… poi un’altra ancora… ho ascoltato TUTTO l’album e ho perso il conto delle volte in cui mi sono venuti i brividi. Non è una leggenda, succede davvero… quando ascolti una canzone che ti piace tanto, ma proprio tanto…ti vengono i brividi…sono le emozioni che parlano attraverso la tua pelle… e come dice qualche link: “non è freddo… è MUSICA!”.

Comunque, poi quando un musicista mi colpisce così tanto vado a curiosare, mi informo su google anche su dischi vecchi, sulla sua vita... e così, ho scoperto anche il suo libro “LA VIA DICASA MIA”, dove racconta un po’ della sua vita. Il libro l’ho preso i primi giorni di vacanza, addirittura ho dovuto ordinarlo perché non ce l’avevano alla libreria. Interessantissimo, l’ho letto in pochi giorni. Oggi l’ho pure prestato a Luisa, una ragazzina della spiaggia tenera tenera che mi aveva chiesto se avessi potuto prestarglielo quando l’avrei finito. Ed è una grande perché ascolta bella musica e poi mi ha chiesto la felpa con scritto “BIETTO” XD. Ah e poi oggi mi ha anche regalato la sorpresina delle patatine che stava mangiando: un portachiavi/apribottiglia! Comunque, dicevo che il primo libro letto mi era piaciuto un sacco… E allora compriamone un altro! Una mattina sono tornato alla libreria, senza cercare un libro in particolare… semplicemente per vedere se trovavo qualcosa di interessante… io che ho sempre detestato le librerie, quella mattina ci sono rimasto 40 minuti!!!!! Il tempo lo ha cronometrato mia sorella che era con me… e poveretta si stava annoiando a morte. Alla fine ho preso un libro sulla comicità… a me che piace ridere sembrava l’ideale. In realtà poi era un po’ noiosetto perché analizzava la struttura della comicità attraverso esempi e opere letterarie nel tempo… Ma adesso ad esempio ho scoperto che la comicità può nascere dalla tragedia… è una sfaccettatura del tragico… o che di per sé la comicità non esiste in natura… cose così… poi oh, se volete sapere bene compratevelo, si intitola “STRATEGIE DEL COMICO”. XD

E infine questi ultimi due libri che mi hanno catturato subito; il primo che ho iniziato già a leggere si intitola “FIGLI DI UN DIO ALIENO” ed è bellissimo anche se mette un po’ di ansia… parla di Cosmo, Coscienza dell’Essere, Terra, Alieni che avrebbero popolato la Terra in tempi antichi e noi saremmo loro discendenti, o meglio loro “creazioni”.

L’altro libro che leggerò poi parla di Tempo, Spazio e Materia… cose che suscitano molto la mia curiosità.

In tutto questo passano le giornate in spiaggia e al mare… la Musica trova poco spazio purtroppo, per lo meno quella creata da me… perché invece il mio mp3 gira sempre tutti i giorni! In realtà ho in mente un album futuro, con tutti i tioli già pronti (ancora non del tutto definitivi); sarà poi scrivere e comporre ogni singola canzone il vero lavoro che mi impegnerà i prossimi mesi… Vi anticipo che saranno 10 canzoni… tutte in italiano… e in generi diversi che però potrebbero definirsi un mix tra dance e trap… spero comunque di fare un bel lavoro e che possa piacere a tanti.

Vaaabbè… Penso sia il momento di salutarci, è tardino… l’una di notte passata!

Grazie per la lettura e ci sentiamo prossimamente con un nuovo e bellissimo Poooost :)

Bietto


25 visualizzazioni